Contrasto al bullismo

Prevenzione e contrasto del bullismo e del cyberbullismo

Azioni di intervento:

Promozione di iniziative di carattere culturale, sociale e sportivo sui temi del rispetto delle diversità, dell’educazione alla legalità e all’uso consapevole della rete internet.
Organizzazione di corsi di formazione per il personale scolastico, gli operatori sportivi e gli educatori in generale, volti a far acquisire tecniche e pratiche educative efficaci nella prevenzione del fenomeno del bullismo con particolare attenzione ai rischi provenienti dai modelli culturali potenzialmente lesivi della dignità della persona, veicolati dai mezzi di comunicazione e dal web.
Organizzazione di corsi e programmi di assistenza volti a far acquisire ai genitori la consapevolezza del fenomeno e delle sue manifestazioni, la capacità di decodificarne i segnali, nonché l’importanza del dialogo con i figli – vittime di soprusi o spettatori di violenze o con coloro che si sono resi responsabili di azioni di bullismo.
Coinvolgimento delle famiglie in percorsi formativi, volti a sviluppare competenze/conoscenze per un più adeguato esercizio della funzione genitoriale.
Attivazione di progetti di rete che promuovano, previo accordo, forme permanenti di collaborazione con i servizi minorili dell’amministrazione della giustizia, delle prefetture – uffici territoriali del Governo, delle forze dell’ordine, delle aziende sanitarie locali e degli enti.
Attivazione di percorsi di sostegno in favore dei minori vittime, autori e spettatori di atti di bullismo, dei gruppi classe in cui si è verificato l’evento, nonché di sportello di ascolto o, con il supporto di competente figura professionale (dott.ssa Gelsomina Giannattasio, psicologa e psicoterapeuta), per stimolare la consapevolezza degli schemi comportamentali disfunzionali che bullo, vittima e spettatori attivano.
Realizzazione di campagne di sensibilizzazione ed informazione rivolte agli studenti dell’istituto “G. Giorgi”, nonché alle loro famiglie, con particolare attenzione alla creazione di modalità di coinvolgimento dei genitori di fasce sociali deboli e a rischio e agli insegnanti ed educatori in generale, in ordine alla gravità del fenomeno del bullismo e delle sue conseguenze.

Destinatari

Alunni, genitori, insegnanti e personale scolastico dell’I.T.I.S. “Giovanni Giorgi” di Roma.

Il progetto

Con l’obiettivo di contrastare e prevenire fenomeni di bullismo, già dall’a.s. 2016/2017, si è pensato di monitorare, informare e intervenire. Nello specifico, l’istituto – attraverso degli appositi questionari creati per l’occasione – ha voluto conoscere la diffusione del fenomeno all’interno della sua utenza. Il passo successivo è stato formare delle figure individuate nella realtà scolastica – tre docenti e due alunni – definite referenti del progetto “bullismo” sulla problematica in oggetto.
Quindi, le stesse, acquisite le opportune conoscenze e competenze, hanno a loro volta formato e informato per ogni classe dell’istituto i rappresentanti della componente docente, genitoriale e studentesca.

Finalità e obiettivi

Le finalità del progetto sono legate alle capacità di sviluppare o migliorare le competenze emozionali, comunicative e relazionali degli alunni, di osservare le dinamiche degli alunni nella classe e di supportare docenti e famiglie in momenti di difficoltà.
Nello specifico si sono perseguiti i seguenti obiettivi:
a breve termine: sviluppare negli attori scolastici la capacità di:
• individuare l’emergere e il verificarsi di comportamenti indesiderati;
• formulare una richiesta di aiuto;
• sviluppare in tutti gli attori scolastici un vissuto di maggiore appartenenza alla realtà della scuola.
a medio termine:
• agevolare la comunicazione tra pari e mantenere un buon clima nella classe e nell’istituto;
• favorire ricadute positive sulla didattica;
• ridurre la dispersione scolastica.
a lungo termine:
• sviluppare nella scuola nuove competenze per un percorso riproducibile nel tempo e confrontabile con altre realtà scolastiche o esterne.

FASI OPERATIVE ANNO SCOLASTICO 2017/2018

DA OTTOBRE 2017 A MAGGIO 2018
a) Ottobre 2017: Scelta dei docenti referenti per il progetto contro bullismo e cyberbullismo durante i consigli di classe;
b) 20/10/2017: visione del musical “Heathers” presso il teatro Spazio Diamante di Roma, per due seconde dell’Istituto. Il progetto pilota sarà eventualmente proposto a tutte le classi dell’Istituto;
c) 26 ottobre 2017: scelta degli alunni e dei genitori referenti per il progetto contro bullismo e cyberbullismo durante le elezioni per i rappresentanti;
d) Visione del video realizzato dall’ex II Bs e presentato durante la giornata nazionale del Safer Internet Day e di uno spot pubblicitario realizzato dall’ex III Au;
e) Visione dell’opera “La vita che ci viene”, messa in scena nell’a.s. 2016/2017 dal Laboratorio teatrale dell’Istituto “G. Giorgi”, regia del prof. Giancarlo Moretti, docente dello stesso Istituto;
f) Incontro con avvocati penalisti (a titolo gratuito) per sensibilizzare al tema della legalità e ai rischi connessi ad un uso non consapevole della rete;
g) Partecipazione al ProgettoIo gioco leale”, che si svolgerà nella palestra dell’Istituto con gli insegnanti di Scienze motorie, nelle ore curriculari;
h) due incontri per classe (a titolo gratuito) con esperti della Polizia di Stato sui temi del bullismo e del cyberbullismo, nell’ambito del Progetto “Scuole sicure”;
i) incontri (a titolo gratuito) tra gli alunni del biennio ed esperti dell’Associazione BULLI STOP Associazione nazionale contro il bullismo, che prevederanno:
1. Dibattito
2. Elaborazione progetto e partecipazione alla “gara di idee”
3. Riflessione
Le date: 13 e 15 dicembre
Gli alunni saranno divisi in due gruppi (I turno: ore 10.00 – 11.30; II turno: ore 11.30 – 13.00)
Il lavoro terminerà con la visione di un’opera teatrale, realizzata dall’associazione stessa, che andrà in scena il 30 maggio 2018 al teatro Olimpico di Roma con un costo di 10 euro a studente.
j) Incontri (a titolo gratuito) con volontari della Croce Rossa Italiana, nell’ambito del Progetto
#DIB -Disconnettiamo il Bullismo“, voluto dal V Municipio di Roma.
Le date:
Mercoledì 21/03/18 dalle 14,30 alle 16,30 incontro con i docenti
Mercoledì 28/03/18 (h 8,30 -11 e h 11 – 13.30) incontro con 4 classi
Giovedì 05/04/18 (h 8,30 -11 e h 11 – 13.30) incontro con 3 classi
Mercoledì 11/04/18 dalle 14,30 alle 17,30 incontro con genitori
j) presentazione del ProgettoLETTERATURA e CINEMA” per sensibilizzare, attraverso forme d’arte, al rispetto, all’amicizia, alla tolleranza, al superamento dell’omertà.

 

Scarica il documento completo… .

 

 


Laboratorio creativo

“#DIB Disconnettiamo il Bullismo”

 

Prevenzione e contrasto al BullismoPartecipa anche tu!
Lunedì dalle ore 12.00 alle ore 13.00 presso la biblioteca dell’ITIS “GIORGI” di Roma.

A cura del Prof. Giancarlo Moretti e del Prof. Giuseppe Antuono

Locandina dell’evento… .

 

 


Link utili:

 

Generazioni connesseIl Progetto “Generazioni Connesse”, coordinato dal MIUR e co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma “Connecting Europe Facility” (CEF), promuove strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, promuovendone un uso positivo e consapevole.

 

Bulli StopCentro Nazionale contro il bullismo – Bulli Stop
Il Centro ha l’intento di aggregare gli Adolescenti per informare di quanto il bullismo debba essere prevenuto e sconfitto.
Chiunque può unirsi a Bulli Stop e diventarne sostenitore e proporre progetti innovativi di prevenzione ai disagi giovanili.

 

YouPol“YouPol”, l’applicazione per segnalare alla Polizia casi di bullismo o spaccio.

L’APP ha lo scopo di permettere a tutti, giovani e adulti, di interagire con la Polizia di Stato, consentendo l’invio di segnalazioni di episodi di bullismo o di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’APP è facilmente “scaricabile” su tutti gli smartphone e tablet accedendo alle piattaforme di Apple Store, per i sistemi operativi IOS, e Play Store, per i sistemi operativi Android.
Grazie a “YOU POL” è possibile inviare immagini o segnalazioni scritte direttamente alla sala operativa della Questura.

Tra le opzioni possibili per l’utente di “YOU POL” vi è anche quella che consente di effettuare una chiamata di emergenza (attraverso il pulsante di colore rosso con la scritta “chiamata di emergenza”) alla sala operativa (113 o 112 NUE qualora presente) ubicata nella provincia ove l’utilizzatore si trova.